Joe Simon Morto: anche il creatore di Capitan America ci abbandona…



Io non so se questo è un periodo particolarmente funesto o se per caso è vero il detto che spesso (purtroppo) un fatto doloroso che avviene dà poi inizio a una scia di eventi analoghi… Sta di fatto che nel giro di pochi giorni sono morti tre pilastri del mondo della nona arte (Shingo Araki, Jerry Robinson e Carlo Peroni) e come se questi “addii” non fossero già troppi da sostenere (specie uno di seguito all’altro) ecco che un altro geniale fumettista ci abbandona! Joe Simon si è infatti spento mercoledì scorso a New York… e per quanto qualcuno dica che alla veneranda età di 98 anni è forse normale che accada (e per carità), non significa che la notizia debba essere presa con un sorriso anziché con una lacrima, specie da parte dei fedelissima fan di Capitan America!

Insieme a Jack Kirby, Simon ha dato appunto vita a uno dei supereroi più nazionalisti e affascinanti della Marvel (all’epoca Timely Comics), ma la sua genialità non finisce qui visto che è stato anche il “padre” di Newsboy Legion, Sandman, Boy Commandos e Manhunter per la DC Comics, Stuntman, Boy Explorers e Boys’ Ranch per la Harvey Publications, The Fly per la Archie Comics e infine Fighting American, Bulls Eye e tutto il genere “romance” a presso per la Prize Publications. Insomma, che ve lo dico a fare, un pezzo da novanta come ce ne sono pochi che lascerà un buco immenso, sia nel nostro animo di accaniti lettori, estimatori e collezionisti e sia in tutti coloro che hanno avuto il piacere e l’onore di lavorare con lui, imparando al suo fianco.

Sempre in coppia con l’amico e stimato collaboratore Kirby, diventa editore a sua volta, in un secondo tempo, fondando la Mainline Publications e  la SICK Magazine, ma non “contento” di fare “solo” questo nei mitici anni Sessanta diviene famoso anche in campo pubblicitario, dando così ulteriore lustro al mondo dei comics. Capitan America, del resto, divenne famigerato al pari di Superman in quel degli Stati Uniti, specie tenendo conto dello sconvolgimento derivato dalla Seconda Guerra Mondiale. E’ vero, dunque, che i supereroi sono in grado di portare speranza e tirare su il morale! Ma a proposito della sua creatura più grande, nel 2003 Simon si trovò costretto a fare causa alla Marvel per i diritti d’autore di Capitan America, che fortunatamente si concluse abbastanza in fretta con un preciso accordo stipulato tra Joe e l’editore e di questo si tornò a parlare nel 2007, con la decisione di far morire tale personaggio che venne commentata da Simon così: pessimo momento per decidere di farlo sparire, proprio quando se ne ha più bisogno!

Un caro saluto da parte nostra a questo grand’uomo, ovunque sia adesso, e un grazie di cuore per le emozioni che ci ha fatto provare e i sogni ad occhi aperti che ci ha fatto fare… sempre e comunque nel cuore!